Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

Scritto da: -

Quando posso andare in pensione? Ecco il calcolatore previdenziale in grado di comunicarvi l'anno della pensione e gli anni di contribuzione!

previdenza1.jpg

Cari lavoratori, che pensione vi aspetta? E siete dipendenti o autonomi? Oggi vi segnaliamo il calcolatore previdenziale in grado di comunicarvi l’anno della pensione, gli anni di contribuzione e il sistema di calcolo. Cliccate sull’immagine.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Io facevo parte degli LPU di reggio cal. dal 1999 al 2002, poi non facendocela più a vivere in quella situazione ho mollato. Dopo pochi mesi approvarono anche una specie di buonuscita per chi rinunciava ma ovviamente io non ne ho usufruito. Ora che sono fuori regione,  volevo chiedervi la cortesia di farmi sapere se almeno per quel periodo ho il diritto alla contribuzione figurativa per il riconoscimento dell'anzianità di servizio ai fini pensionistici (se mai ci arriverò!) oppure ho solo, nei fatti, lavorato in nero per lo stato senza nessun riconoscimento e per uno stipendio da fame!?? Vi ringrazio anticipatamente per quello che potrete dirmi o delle indicazioni che vorrete darmi. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Dipendente pubblico in servizio dal 01.04.1978 si vuole conoscere quando si può andare in pensione Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    lavoratore precoce in possesso di conributi dall'eta' di 14 anni, successivamente militare in servizio dal 1985, non avendo 18 anni di contributi al 31-12-1995, chiedo se quando andro' in pensione il calcolo sara' retributivo.  Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    35 ANNI DI CONTRIBUTI AL 1/10/2009 ( DIPENDENTE STATALE) 61 ANNI DI ETA' AL 19/O9/2009 QUANDO POTR0' ANDARE IN PENSIONE? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    il lavoro precoce vale il doppio? io ho contributi dal 1973, ma ho 54 anni quindi ho 36 anni versati + 1 precoce 37 anni ma non ho l'età, quando posso andare in pensione? il 2012 o 2013? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Ho compiuto 33 anni di contributi ed ho iniziato a lavorare in regola a 16 anni di età fisica fino ai 18 continuativi.Farei parte dei lavoratori precoci se la legge non ci avesse delegittimato e discriminato.Vorrei esprimere a tutti un mio giudizio; altro psicologicamente pensare, me ne andrò in pensione qualche annetto prima, visto che nei miei 16 anni di età fisica cioè da ” ragazzino ” andavo a lavorare alla zona industriale di CT col troppo freddo e col forte caldo, dovevo essere li alle ore 07,00, e dovevo alzarmi dal letto alle 05,40 per prepararmi per tutte le mie esigenze fisiche prima di partire.Mentre Io mi alzavo così presto visto la mia tenera età, quelli più grandi di me, la mattina si alzavano dal letto più tardi, ed io dovrò andare in pensione quando andranno costoro con tanto di rispetto; avendo iniziato a lavorare un bel pò più tardi di me; vi sembra giusto?.Nel contempo approfitto per ringraziare tramite questo Interessante topic, i Signori legislatori che con le loro comprensioni e considerazioni che hanno avuto verso di noi, i quali abbiamo iniziato a conoscere il sacrificio e la sofferenza del lavoro molto prima degli altri, e avendo anche dato per primi il nostro contributo per lo sviluppo e per la crescita dell’ Italia.Su tutta questa filastrocca c’è da tenere presente in piena considerazione, che Io e gli altri ragazzini come me, in quegli anni più belli dell’ infanzia ci alzavamo prima delle ore 6 di mattina col buio, mentre gli altri, dico quelli più grandi di Noi dormivano indisturbati nel più bello della mattinata e si stiravano le ossa nel letto fra le coperte, compresi anche quelli che ci amministrano.Da ragazzino mi facevo forza nell’ alzarmi per non rifarmi chiamare da mio Padre che dopo il suono della sua sveglia veniva a svegliarmi; alzati Pietro, ed io con grande forza d’ animo, anche se ragazzino quale ero, ed anche se mi veniva a mancare il riposo, con voce quasi da bambino e col sonno negli occhi rispondevo a mio Padre, si Papà mi sto alzando.A questo punto non riesco proprio a capire perchè Noi precoci in un’età all’epoca infantile non possiamo oggi privileggiare e godere nel potercene andare in pensione qualche anno prima di quelli che hanno iniziato a lavorare dopo di noi e goduto l’ infanzia più di Noi.Noi abbiamo subito un trauma che ci trasciniamo da tempo, divenendo dei lavoratori precoci: cioè lavoratori da ragazzini; iniziando a dare il nostro primo contributo, come le pecore quanto iniziano a dare la loro prima lana in modo più precoce della loro maturità, e che ormai adesso non ci viene più riconosciuto, come se il nostro sacrificio non fosse servito a nulla, per le dovute e ingiuste inconsiderazioni di questi legislatori.Con questo, Invito coscientemente ed umanamente a riflettere e ha cercare di prendere delle dovute e giuste azioni in un tempo spero abbastanza breve, per tutti noi reduci di precocità, e che con questa precocità di lavoro e non di divertimento che si è tatuato in noi in modo purtroppo indelebile ormai stanco come quello di un anziano, per aver iniziato a lavorare troppo precocemente. PER ME, NON SO SE ANCHE PER VOI, LAVORATORI PRECOCI: CIOE’ LAVORATORI DA RAGAZZINI, PER GIUSTO GIUDIZIO E PER GIUSTA CAUSA, NOI DOVEVAMO ESSERE RICONOSCIUTI ANCOR DI PIU’ E MEGLIO DEI LAVORI USURANTI CHE GODONO E PRIVILEGGIANO DI ANNI DI PREPENSIONAMENTO, PENSANDO A QUELLE NOSTRE PICCOLE E TENERE OSSICINE FRAGGILI CHE ERAVAMO.PERCHE’ NOI DA RAGAZZINI CI SIAMO USURATI ANCOR PRIMA E DI PIU’ DEI LAVORI USURANTI. DAI UN TUO PARERE SE SEI DACCORDO GRAZIE.PIETRO Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Ciao Moreno da Piacenza.Sono daccordo con Te.Stiamo solo esprimento attraverso le parole le sofferenze delle nostre Carni.Che iniziarono a patire il sacrificio e la sofferenza del lavoro troppo presto e troppo precocemente.E non per lamentarsi, come qualcun altro possa interpretare in modo errato.Senza alcuna discriminazione verso costoro, i quali non appartengono a questa categoria di lavoratori; ” precoci sofferenti da bambini per la loro immaturita al lavoro “. Carissimo Moreno; ho alle spalle la Sofferenza, e non la bellezza di 33 anni di lavoro, alzandomi ogni mattina presto.Per poter essere puntuale mi alzo tutte le mattine alle ore 5,30, da quando in gergo tradotto, succhiavo il latte, e a dir poco non ce la faccio più. STO CONTANDO OGNI MATTINA: ANNI E GIORNI, PERCHE’ NON CE LA FACCIO PIU’, E NON VEDO L’ORA, SIA PSICOLOGICAMENTE CHE FISICAMENTE, ANCHE SE QUELLO CHE DESIDERO, CAPISCO CHE MI FARA’ INVECCHIARE DI PIU’, DI ANDARMENE IN PENSIONE PER AVER INIZIATO A LAVORARE TROPPO PREMATURAMENTE, E CHE A CAUSA DI TUTTO QUESTO NE STO PAGANDO E SCONTANTO LE PENE, CHE SONO STATE SUBITE DAL MIO ORGANISMO.CHE ADESSO SI RIBELLA CONTRO DI ME, PER AVERLO FORZATO E CONDIZIONATO PRIMA DEL SUO GIUSTO TEMPO.COME UN MOTORE ANCORA IN RODAGGIO, CHE PRIMA DEI SUOI DOVUTI TOTTI KM, VIENE FORZATO A CORRERE IN MODO PIU’ ESAGERATO DEL SUO RODAGGIO.SPERO CHE QUALCHE BUON ESSERE UMANO, CON TANTO DI VOCE IN CAPITOLO, POSSA RACCOGLIERE QUESTO MESSAGGIO RACCHIUSO IN BOTTIGLIA, E LANCIATO IN QUESTO GRANDE ED IMMENSO OCEANO VIRTUALE CHE E’ INTERNET, E CHE SI APPRESTI AD IMPUGNARLO, E DA BUON CONSIDEROSO ED ONESTO EROE POSSA SOCCORRERCI E SALVARCI A NOI TUTTI PRECOCI LAVORATORI. VISTO CHE ANCORA NEL VOCABOLARIO DI LINGUA ITALIANA, E NEL VOCABOLARIO UNIVERSALE DELLA VITA QUELLA PAROLA BELLA; CHE A VOLTE TANTI FANNO FINTA DI NON RICORDARE, MA CHE ESISTE ANCORA IN OGNUNO DI NOI; CHE E’ “LA CONSIDERAZIONE”.SPERANDO CHE POSSA PREVALERE, DIMOSTRANDOCI CHE ANCORA TUTT’OGGI CHE L’ESSERE UMANO, HA UN’ANIMA E UN CUORE APERTO A TUTTI, NEL PIENO RISPETTO DELLA RAGIONE. RIBADISCO ANCORA:PER ME, NON SO SE ANCHE PER VOI, LAVORATORI PRECOCI: CIOE’ LAVORATORI DA RAGAZZINI, PER GIUSTO GIUDIZIO E PER GIUSTA CAUSA, NOI DOVEVAMO ESSERE RICONOSCIUTI ANCOR DI PIU’ E MEGLIO DEI LAVORI USURANTI CHE GODONO E PRIVILEGGIANO DI ANNI DI PREPENSIONAMENTO, PENSANDO A QUELLE NOSTRE PICCOLE E TENERE OSSICINE FRAGGILI CHE ERAVAMO. PERCHE’ NOI DA RAGAZZINI ABBIAMO INIZIATO AD USURARCI ANCOR PRIMA E DI PIU’ DEI LAVORI USURANTI. PERCHE’ NOI LAVORATORI PRECOCI “LAVORATORI PREMATURI” ABBIAMO E CI SENTIAMO IN GIUSTO DIRITTO DI APPARTENERE ALLA CATEGORIA DEI LAVORI USURANTI. PERCHE’ UN LAVORATORE RAGAZZINO, E SOGGETTO PSICOLOGICAMENTE CHE FISICAMENTE AD USURARSI DI PIU’, DI UN LAVORATORE ADULTO IN UN LAVORO USURANTE. PERCHE’ UMANAMENTE UN BAMBINO PRIVO DELLA SUA LIBERA FANCIULEZZA E SPENSIERATEZZA NEL POTER ANDARE A GIOCARE CON ALTRI RAGAZZINI ESPRIMENTO INGENUITA’ E PUREZZA, INVECE DI DOVERSI ALZARE ALLE 5,30 DI MATTINA, E DI SUBBIRE FATICHE E RIMPROVERI PER 9 ORE DI LAVORO AL GIORNO QUANDO SI LAVORAVA TROPPO IMMATURAMENTE. E ALL’ EPOCA LO STATO ERA CONSENZIENTE DI TUTTO QUESTO.ED ADESSO PER NOI PRECOCI NON ESISTE PIU’ NESSUNA AGEVOLAZIONE, TROPPO FACILE A DIRSI, PERCHE’ NOI ESISTIAMO ANCORA, E CI SIAMO MACCHIATI DI UN TRAUMA INDELEBILE, PERCHE’ ERAVAMO TROPPO PICCOLI, COME GLI AGNELLINI DA LATTE.E LO STATO DEVE ESSERE PRESENTE IN QUESTO RISOLVENDO RESPONSABILMENTE QUESTA SOFFERENTE SITUAZIONE CHE PERSISTE E CI TORMENTA DENTRO IN OGNUNO DI NOI IN MODO CRONICO.E TUTTO QUESTO ADESSO A CHI LO DICIAMO AI SIGNORI POLITICI, E ADESSO A NOI LAVORATORI PRECOCI CHI CI ASCOLTA E CHI CI PENSA. NOI SIAMO E CREDIAMO ANCORA DI ESSERE CARNI UMANE, E NON CARNI DA MATTATOIO.QUALE UN ANIMALE CHE COME FINISCE DI CRESCERE NON HA PIU’ LA COMPRENSIONE E LA CONSIDERAZIONE DEL SUO ALLEVATORE, PRONTO PER ESSERE TRASPORTATO AL MATTATOIO.LE NOSTRE CARNI HANNO INIZIATO A STANCARSI PRIMA DEGLI ALTRI CHE HANNO INIZIATO DOPO DI NOI, ADESSO VOGLIAMO PRIVILEGGIARE NEL POTERCENE ANDARE IN PENSIONE PRIMA DEGLI ALTRI, LO VOLETE CAPIRE!.NOI ABBIAMO INIZIATO PRIMA; ED ADESSO CE NE VOGLIAMO ANDARE IN PENSIONE UN PO’ PRIMA, PERCHE’ NON CE LA FACCIAMO PIU’. SE TI POSSA INTERESSARE LA MIA EMAIL ANCHE SE RESA PUBBLICAMENTE, TANTO NON HO NIENTE DA NASCONDERE Pangold@fastwebnet.it Caro Moreno Ti ammiro e Ti apprezzo tanto, perchè le persone come Noi dimostrano una grande Validità.Ciao ancora da Pietro. morenoPiacenza Per Pietro:Grazie per le parole che mi hai scritto Pietro,credo che tutti i lavoratori precoci la pensino come noi, e sono convinto che dobbiamo continuare a lottare per la nostra causa. Io in ogni riunione sindacale, in ogni sito internet, in ogni testata giornalistica a cui ho la possibilità di scrivere, in ogni discussione politica che faccio, esprimo con tutte le mie forze il mio dissenso per questa grande ingiustizia che siamo costretti a subire, e non mi stancherò mai di farlo, perchè abbiamo ragione!! perchè non è giusto!!!perchè qualcuno ci deve ascoltare!! Hai ragione, i precoci dovrebbero essere equiparati ai lavori usuranti,abbiamo iniziato a lavorare da bambini!! non possono calpestarci e passarci sopra come se nulla fosse.Hai la mia piena approvazione continuiamo così in tutte le sedi possibili, e chiediamo anche a tutti i precoci di fare altrettanto.Ciao un abbraccio sinceroMorenoIl mio mail è: moreno.barbuti@alice. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

       A Governo.itAlle Confederazioni Sindacali C.G.I.L- C.I.S.L e U.I.LOggetto: Riforme pensionistiche Vorrei chiedere ai nostri politici, in particolare a quelli addetti alla pianificazione del welfare, ed alle diverse rappresentanze sindacali, se hanno tenuto conto del fatto che, con la nuova riforma delle pensioni, quando la stessa arriverà a regime, la pubblica amministrazione e le aziende si troveranno con una marea di dipendenti cosiddetti anziani e poiché non si potrà assumere se questi non se ne andranno, non pensano che potrà esserci un disservizio per i cittadini, i grandi manager, i funzionari dirigenti e gli amministratori stessi che avranno a disposizione personale vecchio e magari dopo tanti anni anche demotivato? Certo gli ultra cinquantenni non sono aitanti come un ventenne o un trentenne o anche un quarantenne. Non pensano che sarebbero bastati i 35 anni di servizio lavorati seriamente per concedere il meritato riposo ad un lavoratore? Non credono che sarebbe necessario svecchiare la Pubblica Amministrazione? Come pensano di ovviare all'inconveniente rappresentato dai naturali acciacchi fisici che eventualmente dovessero presentarsi a causa dell'età? Ed ancora: non potrebbe essere che, sempre a causa dell'invecchiamento del personale in servizio, si andrà in contro tendenza ed invece del calo delle assenze per malattia, vi sia un aumento fisiologico delle stesse? Questo ovviamente riferito a tutti i lavoratori, sia del pubblico che del privato. Per un lavoratore pubblico e non, che ad una certa età non sarà più aitante come in gioventù,e quindi meno redditizio dal punto di vista fisico, sono previsti cambi di mansione o incarichi meno gravosi? Non trovano ci sia incoerenza e totale contraddizione tra il pretendere un fisico scattante (non parlo solo di poliziotti) o comunque molto attivo e redditizio sul lavoro, e nello stesso tempo ritardare sempre più l’accesso alla pensione? Purtroppo le lancette dell'orologio della vita non vanno a ritroso, per quanto i Ministri di turno si possano affannare per farlo. Oltretutto questa “brillante” tecnica renderà molto difficile e difficoltoso l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, per cui si avranno giovanotti nel pieno delle forze che si troveranno per strada senza un occupazione, impossibilitati quindi a crearsi una famiglia o comunque un avvenire, mentre i loro padri ricurvi e stentati saranno ancora dopo tanti anni legati al mondo del lavoro, con l’inconveniente aggiunto inoltre, di una più  precaria sicurezza nelle varie mansioni svolte, dato che i cinquantenni ed oltre,  non hanno certo i riflessi dei lavoratori più giovani, e quindi più soggetti ad infortuni. Siamo veramente stanchi fisicamente ed intellettualmente, dopo una vita di sacrifici. Vi chiediamo fermamente come cittadini elettori ( che hanno il diritto in quanto tali di essere presi in considerazione dato che, come dite sempre anche voi, il popolo è sovrano) di non continuare a prendervi gioco di noi spostandoci in continuazione il traguardo pensionistico, (35 anni non erano pochi!! e volete continuare vergognosamente ad aumentarli!!) anche perché non vogliamo arrivare al punto di non essere più in grado di rendere come in gioventù: vorremmo fermarci prima!! Ne abbiamo il diritto, come hanno avuto tutti i lavoratori nati prima di noi, abbiamo la stessa dignità e vorremmo essere trattati allo stesso modo!!. Sarebbe un'umiliazione per noi, dopo una integerrima vita di lavoro, essere costretti a subire del lavativo o del fannullone perché non più operosi come nel passato; legati ai naturali cedimenti del fisico che invecchia e che ha dato tanto fin da adolescente. Quanto meno dobbiamo avere la possibilità, avendone la necessità, di ritirarci dal lavoro percependo una pensione proporzionata agli anni di lavoro prestati! Credo che le organizzazioni sindacali dovrebbero opporsi a queste continue riforme, sostenendo quello che alcuni buoni politici (che oramai sono pochi), attraverso note trasmissioni televisive, hanno suggerito come soluzione del problema alla mancanza di fondi e cioè l’ azzeramento dei privilegi scandalosi di cui godono diverse categorie, ad esempio: pensioni e stipendi d’oro, riconoscimenti pensionistici dopo soli 5 anni di legislatura, frodi finanziarie, paradisi ed evasioni fiscali ecc.; così facendo si verrebbe a creare un sistema più giusto ed equilibrato, si potrebbe accedere alla pensione tutti un po’ prima ed il carico di mantenimento del sistema previdenziale sarebbe suddiviso in modo più equo. Purtroppo non si capisce il perché… ma quella via non la si vuole percorrere. Un'altra cosa che non capisco, è che anche la Presidente di Confindustria Emma Marcegaglia chieda di ritardare l’uscita dal lavoro quando specialmente nel privato il datore di lavoro vuole personale efficiente e forte anche fisicamente, per cui credo che gli industriali che la Marcegaglia rappresenta non siano poi così contenti delle sue affermazioni; cosa se ne faranno le aziende private (ed attualmente anche la Pubblica Amministrazione), di persone che non renderanno più come in gioventù? Spero non pensino di licenziarli una volta che non saranno più in grado di assolvere al meglio i loro compiti…… oppure è proprio questo che vogliono fare? Sarebbe un disastro sociale che provocherebbe una rivoluzione civile! Ma allora qual'é il vero obiettivo delle affermazioni della presidente Marcegaglia??!?! E gli incentivi che un anziano non riuscirà a percepire proprio per i motivi sopra esposti? Infatti essendo meno redditizio, più passano gli anni meno un lavoratore potrà guadagnare di produttività, sia nel pubblico che nel privato, oltre naturalmente a diventare malvisto da dirigenti e colleghi. Aggiungo un pensiero anche per i lavoratori precoci che hanno iniziato a lavorare quasi bambini, (15/16 anni), e tutti sappiamo che a quell'età non si svolgevano lavori di concetto, per cui sono doppiamente stanchi, dato che invece di vivere la loro adolescenza come tutti gli altri, erano già al lavoro in fabbrica o altro, contribuendo all'espandersi economico della nazione, ed alla fine avranno più anni di lavoro sulle spalle rispetto chi ha iniziato a lavorare dopo. Purtroppo da quello che si vede negli spot televisivi, tutti si oppongono giustamente al lavoro minorile, ma negli altri stati e continenti....!! Per loro andrebbe prevista un’agevolazione come anche per i lavori usuranti. Non credo che tutti questi aspetti siano sfuggiti ai nostri Ministri e sarei contento di sapere cosa ne pensano sia loro che le diverse Organizzazioni Sindacali. Mi rendo conto che gli interrogativi nel presente commento sono tanti, ma purtroppo nessuno di essi ha una risposta ufficiale. Concludo aggiungendo un messaggio importante per coloro che chiedono continuamente l'innalzamento dell'età pensionabile: "cari politici, non siamo animali da soma, siamo uomini!! e dopo una vita di lavoro e fatiche uomini stanchi”!!  Moreno                                                                                                                                   Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Concordo con tutti e con tutto, ma che possiamo fare? Io addirittura ho cominciato a lavorare a 12 anni in una cella frigorifera, in nero e a 40 gradi sotto zero! Qualcuno ha detto che fa ridere andare in pensione a 50 anni, ma qualcuno ha mai pianto per un bimbo lavoratore di 12 anni????? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    ho iniziato a lavorare nel 1983 all'età di 21 anni ,oggi ho 26 anni compiuti di contributi. Vorrei sapere se posso andare in pensione con una pensione minima oppure quando dovro' andare in pensione ?Fiduciosa in una vostra risposta vi porog i miei saluti. Santina Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Salute.Vorrei sapere se i lavoratore precoci hanno perso ogni speranza di ottenere una qualche agevolazione sull'età pensionabile.Oppure, oltre ad avere iniziato a lavorare da fanciulli, dovranno continuare a lavorare in media cinque anni in più dei lavoratori ''normali'' prima di andare in pensione.A tutt'oggi, io ho maturato quasi 40 anni di contributi, ma ho l'età di 54 anni. Quindi, quantomeno dovrò aspettare per andare in pensione, circa un anno dopo aver conseguito il requisito dei 40 anni di contributi a causa delle famose finestre, mentre un mio collega, pur avendo iniziato dopo di me a lavorare, è potuto andare in pensione con 35 anni di contributi perche ara più anziano di età!!!Io ho iniziato a lavorare all'età di 14 anni, invece, il mio collega ha iniziato dopo il suo matrimonio, quindi in età adulta.Che fine hanno fatto queste parole: LAVORATORI PRECOCI: chi ha iniziato a lavorare prima dei 18 anni avrà garantito un regime agevolato (da definire con le parti sociali). La delega contiene inoltre alcune questioni ancora in sospeso, che non avranno attuazione immediata perché richiedono un confronto tra il Governo e le parti sociali, il Governo e le regioni, il Governo e le autonomie locali: MINISTRO TREMONTI !.......................  Cordialità, Broger. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Nel 1972 previo concorso sono stao assunto al lavoro da una grossa società,a quel tempo avevo la bella età di 15 anni e 11 mesi insieme a me sono state assunte altre persone tra le quali un ragazzo che come me era alla sua prima esperienza lavorativama aveva 22 anni.  A tuttoggi io continuo a lavorare per la stessa azienda e dovrò lavorarci fino al 2013 invece quel ragazzo (collega )che è stato assunto insieme a me è già in pensione dal 1/7/2008      MA AVEVAMO PAGATO GLI STESSI CONTRIBUTI !!!!!      E LE AGEVOLAZIONI PER I LAVORATORI PRECOCI ?            però da qualche parte sta scritto che                LA LEGGE è UGUALE PER TUTTI.   Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Ciao Moreno da Piacenza.Sono daccordo con Te.Stiamo solo esprimento attraverso le parole, le sofferenze delle nostre Carni.Che iniziarono a patire il sacrificio e la fatica del lavoro troppo presto e troppo precocemente.E non per lamentarsi, come qualcun altro possa interpretare in modo errato.Senza alcuna discriminazione per costoro, i quali non appartengono a questa categoria di lavoratori; ” precoci sofferenti da bambini per la loro immaturita al lavoro “. Carissimo Moreno; ho alle spalle la Sofferenza e non la bellezza di 33 anni di lavoro, alzandomi ogni mattina presto.Per poter essere puntuale mi alzavo e mi alzo a tutt'oggi alle ore 5,30, da quando in gergo tradotto, succhiavo il latte, e a dir poco non c'è la faccio più. Ogni mattina sto contando: anni e giorni, perchè non c'è la faccio più, e non vedo l'ora, sia psicologicamente che fisicamente, anche se quello che desidero, capisco che mi farà invecchiare di più, di andarmene in pensione per aver purtroppo iniziato a lavorare troppo prematuramente, e che a causa di tutto questo ne sto pagando e scontanto le pene, che sono state assorbite e subite dal mio organismo.E che adesso si rivolta non a favore di me, ma contro di me, per averlo forzato ingiustamente e condizionato prematuramente a lavorare, molto prima del suo dovuto è giusto tempo.Come un motore di un'auto appena in rodaggio, che prima dei suoi dovuti iniziali km, viene forzato e spinto a correre in modo più esagerato (della sua crescita) del suo rodaggio.Con questo spero e voglio sperare che qualche buon essere umano, con tanto di voce in capitolo, possa e voglia umanamente raccogliere questo umile ed apprensivo messagio di sacrificio e di sofferenza, che sto per racchiudere dentro questa bottiglia.Pronto per essere lanciato in questo grande ed immenso oceano virtuale che è internet.Sperando che ci sia qualcuno ad impugnarlo, e da grande conscienzioso ed umano cittadino, possa venirci in aiuto a noi tutti precoci lavoratori, rimasti ormai ultimi di quella vecchia è sofferente legge; che permetteva ai ragazzini di iniziare a lavorare troppo precocemente. Credo ancora che nel vocabolario della lingua italiana, ed anche nel vocabolario universale della vita, che quella parola bella; che tanti a volte ancora fanno finta di non ricordare; esiste ancora: “LA CONSIDERAZIONE”.Che grazie a questa parola, se così si possa definire, ancora si riesce a mantenere e tenere uniti famiglie, razze ed intere popolazioni.Con questo spero e voglio credere che la considerazione possa prevalere, dimostrandoci ancora tutt’oggi che l'essere umano, ha ancora un'anima e un cuore aperto a tutti, nel pieno rispetto della ragione. Ribadisco ANCORA:Per me, non so se anche per voi, LAVORATORI PRECOCI: cioè lavoratori da ieri RAGAZZINI, per giusto giudizio e per giusta CAUSA, noi dovevamo essere riconosciuti ancor di più e meglio dei lavori usuranti che godono e privileggiano di anni di prepensionamento, pensando a quelle nostre piccole e tenere ossicine fraggili che eravamo. Perchè NOI da ragazzini abbiamo iniziato ad usurarci ancor prima e di più dei lavori usuranti, e quindi volendo potremmo essere considerati e riconosciuti anche Noi, come dei lavoratori usurati; perchè in tutta questa storia c'è da non sottovalutare che l'usurato non possa essere solo l'adulto, ma a maggior ragione è anche logico che l'usura possa avere effetto ancor più usurante di un adulto, su un essere naturalmente più piccolo, quale un ragazzino minorenne che è ancor più disposto e soggetto ad usura. Perchè NOI da lavoratori precoci “LAVORATORI PREMATURI”, abbiamo e ci sentiamo in giusto diritto ed in giusta causa di poter e dover appartenere anche noi alla categoria privilegiata dei lavori usuranti, e non di essere stati esclusi e quasi a tacere da tutti i dovuti riconoscimenti, meriti e privilegi. Perchè un lavoratore ragazzino, e ancor piu'soggetto psicologicamente che fisicamente ad ammalarsi ed ad usurarsi di più di un lavoratore adulto, con un lavoro usurante o non usurante. Perchè umanamente un bambino privato della sua libera fanciulezza e spensieratezza nel dover e poter andare a giocare con altri coetanei ragazzini, emanando  e manifestando, libertà ingenuità è purezza, invece di vedersi invecchiare come un adulto, e di doversi alzare dal letto alle ore 5,30 di mattina col buio,  come lo si faceva nella maggior parte di noi tutti precoci all'epoca.Subendo e patendo anche ingiustamente fatiche rimproveri ed insulti per 9 ore di LAVORO e non di divertimento al giorno, paragonato ad un bambino di anni 16, quanto si iniziava ingiustamente a lavorare troppo precocemente ed immaturamente.Ed all'epoca lo stato era consapevole e consenziente di tutto questo.Ed adesso per noi precoci non esiste più nessuna agevolazione, che un bel pò di tempo fa vi era; nessun provvedimento a beneficio nostro, nessun riscatto dei nostri sacrifici.Perchè, mi chiedo trattati in questo modo; quasi come degli emarginati, siamo stati e lo siamo ancora cittadini Italiani, che meritano pari uguaglianza come tutti gli altri che si rispettino per i loro sacrifici compiuti. All'epoca in un'età molto immatura.Che male ingiusto abbiamo commesso; noi esistiamo ancora, ed è un vostro dovere occuparVi di Noi tutti; di un nostro diritto che adesso ci viene negato, e che sia giusto e doveroso ripristinarlo.La nostra generazione è ancora presente, e vive ancora, come vivono i vostri cari.Noi ci siamo macchiati onestamente e dignitosamente se si può così dire: (come dei veri lavoratori; anche se all'epoca piccoli, con lo stesso animo e vigore, con la stessa volontà, e con lo stesso contributo dei lavoratori adulti), di un trauma e di una sofferenza purtroppo indelebile, perchè eravamo troppo piccoli, quasi come degli agnellini da latte.Noi oggi da adulti riconosciamo giusto di dover essere trattati e considerati, e riconosciuti, nel bene e nella giusta causa della meritocrazia.Lo stato deve poter e dover essere presente in tutto questo risolvento responsabilmente ed immancabilmente, questa erronea inosservata ingiustizia che persiste in modo sofferente e penoso in ognuno di noi.E che ancora ci tormenta in modo cronico e sofferente.Adesso tutto questo a chi possiamo dirlo; ai signori politici, ed oggi a noi lavoratori precoci chi ci ascolta e chi ci pensa! e chi ci aiuta, perchè noi siamo vita e non fantasmi. Noi siamo e crediamo ancora di essere carne umana, e non carne da mattatoio.quale un animale che come finisce di crescere non ha più la comprensione e la considerazione del suo padrone ALLEVATORE, pronto per poter essere trasportato al mattatoio.Le nostre carni hanno iniziato a stancarsi prima degli altri che hanno iniziato a lavorare un bel pò dopo di noi, adesso vogliamo privileggiare nel potercene andare in pensione prima degli altri, come i lavoratori usurati, lo si vuole capire!.Noi abbiamo iniziato prima; ed è giusto che adesso sentiamo il bisogno psicofisico di andarcene in pensione un pò prima, perchè non c'è la facciamo più.Possiamo sperare di poter dire: l'ultima a morire è la speranza.Chissà se lo stato ci farà riacquistare la fiducia su questo detto.In uno stato giusto e democratico come il nostro, staremmo a vedere se si muoverà qualche foglia.Caro Moreno Ti ammiro e Ti apprezzo tanto, perchè le persone come Noi dimostrano una grande LEALTA' E VALIDITA'.Ciao ancora da Pietro. CHIUNQUE TU SIA SE SEI D'ACCORDO FATTI SENTIRE, Pangold@fastwebnet.it Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    condivido : i lavoratri precoci dovrebbero essere perlomelno equiparati ai lavori cosidetti usuranti e godere prlomeno delle stesse agevolazioni a loro dedicate. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 15 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    ho 56 anni, 38 anni di contributi, e mi fanno andare in pensione con quasi 43 anni di lavoro; mentre i nostri ministri, che abbiamo madato noi a governarci, hanno una pensione d\'oro dopo appena 5 anni di legislatura ed è per tutta la vita? mentre la nostra deve essere centellinata da una vita di sacrifici e chissà se potremo godercela se non avverrano malattie ecc.? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 16 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Posso solo dire che è vergonoso avere 60.000 auto blu quanndo devo decurtare un quarto del mio stipendio per le spese del carburante per andare a lavorare, mentre certi politici tipo Scalfaro hanno chiesto auto e scorta per la nipote, mai sentita in politica o mai vista, diamoci un taglio e mandiamoli a casa con il famoso articolo 18 che ci hanno contestato, non è possibile che un politico venga votato e poi cambi bandiera e partito portandosi dietro i voti, Basta  a casa tutti .................. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 17 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    ho 26 anni di servizio sono una infermiera mi dite come farao a 67/68 anni ad accompagnare,accudire i pazienti,presumo che le parti si invertiranno,esistono lavori e lavori   Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 18 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Cari fratelli lavoratori, non voglio aggiungere altro a quello che voi avete già ampiamente descritto e sottolineato ma il mio commento vuole essere un messaggio di verità su una storia come il lavoro che mai come in questi ultimi tempi ha preso dei contorni a dir poco inquietanti. Quello che sta accadendo oggi, inizio terzo millennio, era stato studiato a tavolino dai potenti del mondo qualche decennio fà , aiutati da una crisi mondiale voluta e guidata dai poteri forti del pianeta terra. Certo cerchiamo sempre di non perdere la speranza ma sinceramente penso che ormai siamo su una strada, noi lavoratori, senza sbocco. Mi viene da pensare,sperando di sbagliarmi, che solo con la dissolvimento purificatore del presente si potrà sperare di far risorgere un mondo nuovo, ma siamo ancora lontani da questa consapevolezza. Oggi,più di ieri,i definirsi lavoratore è diventato sinonimo di schiavo sotto mentite spoglie.Molto si potrebbe dire in merito, ma tutto questo, ripeto è stato ed è voluto. Quando si riuscirà, ad esempio, ad abrogare il libro BIANCO? se non porta beneficio ma solo sfruttamento feroce verso i più deboli? Quindi al punto in cui siamo dobbiamo aspettare il risveglio delle coscienze non solo di tutti i lavoratori, che neanche è facile ma, anche di intellettuali onesti e che che si facciano comperare da nessuna forza ostile al progresso del lavoro e dei lavoratori, ma questo, quando e se accadrà, sarà l\'alba di un nuovo mondo.Salute ,pace e bene a tutti voi.Eugenio Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 19 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    Stai pubblicando come moscatoeugenio (Non sei tu?)moscatoeugenio (signed in using yahoo)Cari fratelli lavoratori, non voglio aggiungere altro a quello che voi avete già ampiamente descritto e sottolineato ma il mio commento vuole essere un messaggio di verità su una storia come il lavoro che mai come in questi ultimi tempi ha preso dei contorni a dir poco inquietanti. Quello che sta accadendo oggi, inizio terzo millennio, era stato studiato a tavolino dai potenti del mondo qualche decennio fà , aiutati da una crisi mondiale voluta e guidata dai poteri forti del pianeta terra. Certo cerchiamo sempre di non perdere la speranza ma sinceramente penso che ormai siamo su una strada, noi lavoratori, senza sbocco. Mi viene da pensare,sperando di sbagliarmi, che solo con la dissolvimento purificatore del presente si potrà sperare di far risorgere un mondo nuovo, ma siamo ancora lontani da questa consapevolezza. Oggi,pi...Visualizza altroRispondi · Mi piace · Non seguire più il post · 2 secondi fa Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 20 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    lavoro dal 1975 ho 52 anni sono invalido del lavoro 80% cambiando la legge mi si e\' allungata di 2 anni la pensione mentre certe merde di politici di qualsiasi colore ne cito uno del pd di 51 anni di nome veltroni che percepisce 9.000 euro al mese,quando qualcuno mettera\' mano alle loro pensioni io lo votero\',solo cosi si puo risanre l\'inps e distribuire in maniera equa le pensioni,loro non dovrebberlo neanche prenderla dopo tutto quello che hanno rubato e tutti i privilegi avuti nella loro carriera politica abitandio in appartamenti in centro di roma con canoni irrisori. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 21 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    60 ANNI DI ETA\' 37 DI LAVORO QUANDO ANDRO\' IN PENSIONE? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 22 su Pensione, quando ci andremo? Ecco il calcolatore previdenziale per verificarlo

    Posted by:

    NO NON SONO IO UNA MIA AMICA IO HO 55 ANNI Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Economiaefinanza.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano