Shopping online: nel 2011 destinato a crescere

Scritto da: -

shopping_online_crescita.jpg

I cambiamenti delle abitudini quotidiane e l’attuale situazione economica mettono in luce una forte contraddizione nel comportamento del consumatore di oggi che, da un lato, è orientato alla spasmodica ricerca del risparmio e al ritorno del “fai da te”, e dall’altro, ha sempre meno tempo da dedicare agli acquisti.

A identificare le abitudini del consumatore di oggi ci pensa Euroffice.it, fornitore di carta e cancelleria online con un modello di business basato sull’e-Commerce puro.

Il perdurare della recessione per tutto il 2010 ha spinto una parte dei compratori old style a scegliere il web per orientare al meglio le proprie scelte d’acquisto, con l’obiettivo di ridurre le spese in un frangente economico che si dimostra ancora decisamente sfavorevole.

I maggiori cambiamenti si registrano chiaramente all’interno di quelle fasce di consumatori più aperti a sperimentare nuovi canali d’acquisto

L’indagine di Euroffice.it, condotta su un ampio campione di consumatori già orientati all’acquisto via web, rivela che una larga parte degli intervistati (46%) ha effettuato più di 10 acquisti online in un anno e che il 40% ha dichiarato di aver utilizzato un carrello virtuale da 1 a 5 volte.

Queste categorie di utenti vengono definite dagli  esperti “open minded” e “reloaded”: fortemente aperti all’innovazione i primi e consumatori multicanale i secondi.

Curiosamente, la fascia intermedia di chi ha acquistato da 5 a 10 volte sul web scende invece al 14%, mentre nessuno ha dichiarato completa sfiducia nei negozi online. Questo ci dice che chi è abituato a navigare, nel corso degli anni ha effettuato almeno un acquisto online rompendo quella barriera di insicurezza (costituita dai dubbi sulla riservatezza delle transazioni e sull’affidabilità dei fornitori) che inizialmente bloccava molti utenti dal tentare un acquisto su internet

Il sondaggio di Euroffice.it rivela inoltre che il 32% dei rispondenti effettua acquisti online per lavoro, contro il 23% che lo fa per uso privato. Picco del 42% per chi dichiara di apprezzare la shopping experience in rete per svariati motivi, tra cui quelli professionali,  quelli personali e quelli “altruistici”, ovvero per l’acquisto di regali.

Diego Vicamini, Country Manager di Euroffice.it, dichiara:

I tre elementi essenziali che favoriscono lo shopping su web risiedono prima di tutto nella possibilità di risparmiare rispetto agli acquisti tradizionali, nel poter acquistare qualsiasi tipo di articolo comodamente da casa, evitando le code e il trasporto dei prodotti (talvolta pesanti) il tutto sposato ad un ormai elevato grado di sicurezza dei pagamenti. Il consumatore di oggi è innovativo anche nella fase di orientamento all’acquisto: la scelta avviene spesso sulla base di ricerche su siti internet specializzati e comparatori di prezzo. In alcuni casi, e solo dopo, ci si rivolge al negoziante di fiducia, al consiglio di amici e conoscenti e alle informazioni dei canali tradizionali”

Col crescere dell’accessibilità di Internet, come sottolinea anche lo studio dell’Osservatorio Multicanalità 2010 condotto da Nielsen Online insieme al Politecnico di Milano, il consumatore italiano diventa più multicanale, sperimentando sempre più l’acquisto in rete.

Ma la ricerca di Euroffice.it aggiunge un tassello importante: chi ha iniziato a muovere i primi passi nell’acquisto online, è rimasto soddisfatto e ritorna, insomma: chi ha compra online, acquista sempre di più online.

Le previsioni per il 2011 ci dicono che i consumatori continueranno a distaccarsi dalle logiche di acquisto tradizionali, trovando un bilanciamento tra canali tradizionali e acquisti via Internet in cui quest’ultimo crescerà sempre più, perché chi compra online, torna online!

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!