Come si misura il valore di una donna?

Scritto da: -

Sito-www.donnechelavorano.it.jpg

I dati che emergono dall’ultima indagine Istat del 2010 sono sconfortanti: più della metà delle donne italiane sono disoccupate.

In particolare, solo il 46% può contare su un impiego e, di queste, il 27% lascia il posto dopo la prima gravidanza e un altro 15% non rientra dopo il secondo figlio. Una situazione che non trova eguali in Europa.

Nino Baseotto segretario generale CGIL Lombardia ha commentato:

“Vecchi stereotipi e meccanismi cristallizzati rendono difficile il cammino di una donna verso la propria realizzazione professionale: maschilismo, discriminazione, carenza di servizi sono solo alcuni degli ostacoli nei quali una lavoratrice si imbatte ogni giorno. Il numero di figli che si desidera avere, gli anni sulla carta d’identità o la taglia dei propri pantaloni: non sono questi i numeri che contano nel giudizio di una donna. Il messaggio chiave della campagna è: Il valore di una donna si misura su altri numeri.”

La campagna CGIL Lombardia prevede una campagna outdoor, protagonista nelle piazze dei principali comuni lombardi, con 12 totem specchianti con le misure 90-60-90 e lo slogan “I valore di una donna si misura su altri numeri”.

Prima tappa, Milano, dal 14 febbraio al 18 marzo nelle stazioni milanesi (Cadorna, Garibaldi, Greco-Pirelli e Bovisa); successivamente, tra i mesi di marzo e aprile, la campagna viaggerà attraverso le città della Lombardia. Altre azioni virali di diffusione della campagna animeranno la città in angoli impensati, con una dinamica sorprendente.

Online la campagna sarà supportata dal sito www.donnechelavorano.it, pensato come uno spazio unico di informazione, condivisione, coinvolgimento e dibattito sul tema; diviso in tre aree, “CGIL per le donne”, “Lavoro Femminile” e “Risorse”, presenterà le proposte del sindacato, le indagini, gli approfondimenti e le testimonianze sul mondo del lavoro femminile, con aggiornamento continuo sugli accordi territoriali siglati.

Il sito conterrà tutti i numeri e i dati che permettono di valutare, quantitativamente e qualitativamente, il contributo e il valore delle donne nella società e nell’economia italiane. Ogni utente potrà interagire, scaricare documenti della CGIL e condividere video ed esperienze lavorative anche interfacciandosi con i principali social network (Facebook, canale Youtube).

CGIL ha inoltre realizzato un esclusivo video denuncia, “Stato Civile”, tratto da esperienze e testimonianze reali. Firmato dal regista e sceneggiatore Piergiorgio Gay, autore di “Niente paura. Come siamo come eravamo e le canzoni di Luciano Ligabue” (presentato con successo all’ultima Mostra del Cinema di Venezia). Il video sarà promosso sul sito e sui alcuni portali di informazione nazionali.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Economiaefinanza.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano