Referendum abrogazione stipendi d'oro deputati: le firme potrebbero non essere valide

Scritto da: -

Il referendum contro i privilegi della casta potrebbe non essere valido. Nel post ti spieghiamo le ragioni

referendum-casta-validità.jpg

Prosegue sui social network la raccolta firme per il referendum contro la casta, quello per tagliare gli stipendi d’oro di deputati e senatori.

Il partito promotore dell’iniziativa spiega che “si tratta di abrogare l’art. 2 della legge 1261 del 1965 che disciplina le indennità spettanti ai membri del Parlamento. Nello specifico il suddetto art. 2 definisce i compensi relativi alla diaria ed alle spese di soggiorno a Roma dei parlamentari. Avrebbe dovuto, e potuto, essere un segnale importante per il Paese se i Parlamentari stessi avessero rinunciato a tali compensi. Ma, visto che ciò non è accaduto, allora saremo noi cittadini elettori a provare a far diventare realtà tale richiesta. Da lunedi 14 maggio in tutti i Comuni d’Italia si può sottoscrivere il referendum presso le segreterie comunali”.

Ma attenzione! Perché, come spiega Milano 2.0 ci sono due raccolte in atto:

1. Raccolta promossa da Unione Popolare: si chiede l’abrogazione della diaria.

2. Raccolta promossa da Comitato del Sole (non c’è una data fissata per la chiusura della raccolta firme). Si chiede l’abrogazione di:

Spese di segreteria e rappresentanza. 
Diaria (Rimborso spese soggiorno a Roma).  
Cumuli d’indennità per partecipazione a commissioni giudicatrici di concorso, missioni, commissioni di studio e commissioni d’inchiesta. 
In aspettativa: - Aumenti periodi di stipendio - Avanzamento di carriera - Trattamento di quiescenza - Trattamento di previdenza - Assistenza sanitaria - Assicurazione previdenziale. 
Indennità mensile esente da ogni tributo. 
Indennità mensile non sequestrabile o pignorabile.

Ci sarebbe comunque un grosso problema a monte: secondo l’art. 31 della L. 352-1970 (la legge che disciplina i referendum)“Non può essere depositata richiesta di referendum nell’anno anteriore alla scadenza di una delle due Camere e nei sei mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per l’elezione di una delle Camere medesime”.

Considerando che i promotori devono raccogliere almeno 500.000 firme entro 3 mesi, se le consegnassero nel gennaio 2013, le firme raccolte in tutta fretta adesso non sarebbero valide.

LINK UTILI

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 81 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Referendum abrogazione stipendi d'oro deputati: le firme potrebbero non essere valide

    Posted by:

    sarà la volta buona!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Referendum abrogazione stipendi d'oro deputati: le firme potrebbero non essere valide

    Posted by:

    speriamo di bloccare questa ruberia..... Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Referendum abrogazione stipendi d'oro deputati: le firme potrebbero non essere valide

    Posted by:

    votare tutti compatti per Matteo RENZI. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Economiaefinanza.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano