Spending review 2012: sanità, pubblico impiego e province, ecco che cosa cambia con il decreto

Scritto da: -

Il decreto sulla spending review è stato approvato dal Cdm. Vediamo che cosa cambia per scuola, sanità, pubblico impiego

spending-rev-novità2012-infophoto.jpg

Il decreto sulla spending review è stato approvato dal Consiglio dei Ministri, dopo 7 ore di consultazioni, al termine delle quali Mario Monti ha tenuto una conferenza stampa (guarda qui il video). (Foto Infophoto)

Nei prossimi sei mesi del 2012 sono previsti tagli per 4,5 miliardi, che saliranno a 10,5 nel 2013 e a 11 nel 2014, per un totale di 26 miliardi, cifra che permetterà, almeno fino al 2013, di evitare il temutissimo aumento dell’Iva.

Vediamo che cosa cambia con il nuovo decreto.

Sanità - Si salvano gli ospedali più piccoli. Viene, però, anticipato il taglio del 5% sull’acquisto di beni e servizi che doveva entrare in vigore dal 2013, con la rinegoziazione dei contratti in essere. 
Relativamente ai farmaci, il governo ha optato per l’aumento dello sconto obbligatorio di farmacie e aziende farmaceutiche nei confronti del Servizio sanitario nazionale. 

Province - Entro l’anno dovranno scendere a 50. Verranno create inoltre 10 nuove città metropolitane, (Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria). 

Istruzione - E’ stata confermata la spesa di 103 milioni di euro che garantisce l’acquisto di libri scolastici da distribuire gratuitamente agli studenti.
10  milioni vanno alle Università non statali, con un taglio del 50%, mentre saltano invece i fondi per scuole private.
È  stato previsto un aumento di 90 milioni di euro per il Fondo di intervento integrativo per la concessione dei prestiti d’onore e l’erogazione delle borse di studio, che verrà ripartito tra le regioni.

Statali - E’ previsto un taglio a livello dirigenziale di almeno il 20% e di almeno il 10% dell’altro personale.
E’ prevista, inoltre, una riduzione dello spazio previsto per gli archivi e per ogni impiegato: tra i 12 e i 20 metri quadrati a persona nei palazzi di nuova costruzione e tra i 20 e i 25 negli altri.
Le P.A. non potranno più usufruire delle consulenze di dipendenti pubblici in pensione.
I buoni pasto non potranno superare il valore nominale di 7 euro. 

LINK UTILI

Spending review 2012: via 1 statale su 10, sindacati sul piede di guerra.

Spending review 2012: avvocati e pubblico impiego, a chi non piace il nuovo decreto.

Spending review 2012: tagli da 26 miliardi in 3 anni, via libera del Cdm.

Governo italiano sprechi e tagli: ecco come la pensa il popolo web.

Vota l'articolo:
3.50 su 5.00 basato su 14 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su Spending review 2012: sanità, pubblico impiego e province, ecco che cosa cambia con il decreto

    Posted by:

    Purtroppo sono quasi tutti tagli lineari che metteranno in ginocchio chi sta lavorando bene ottimizzando i costi. Chi invece sta sprecando ingenti risorse sarà appena scalfito.Se un comune di 10.000 abitanti spende 100 di parco auto ed un altro comune sempre di 10.000 abitanti (e a parità di km^2) spende 500, grazie a queste nuove misure il primo comune dovrà spendere 50 mentre il secondo potrà continuare a spendere beatamente 250! Ridicolo!!!Non cambierà nulla se non mettiamo insieme le forze e non facciamo una vera e propria rivoluzione copernicana. Noi ci stiamo provando … Scritto il Date —