Pensioni 2013: si può andare anche con 15 anni di contributi prima del 1992

Scritto da: -

160417473.jpg

Ho messo la foto di una manifestazione sindacale in testa al post perché credo che la buona notizia arrivata in questi giorni sia il frutto della pressione continua dei sindacati sull’esecutivo.

L’Inps ha dato il via libera all’erogazione di prestazioni pensionistiche di vecchiaia a chi ha maturato quindici anni di contributi entro la fine del 1992. La conferma è arrivata in una circolare - la 16 - diffusa negli ultimi giorni dall’Inps. 

La conferma è contenuta nella circolare n. 16 diffusa in questi giorni dall’Inps. Il documento spiega che oltre ad aver raggiunto i 15 anni di contributi entro il 31 dicembre 1992, bisogna avere raggiunto - nel 2013 - i 66,3 anni per gli uomini e 62,3 per le donne.

Ad anticipare la circolare era stato il ministro del Welfare Elsa Fornero alla fine di gennaio. Quanto previsto è il ripristino di una vecchia salvaguardia contenuta in una legge del 1992 e poi cancellata da un circolare Inps del 14 marzo 2012.

Il dietrofront dell’Inps è stato determinato dal rischio di un contenzioso in cui l’ente pubblico rischiava di uscirne con le ossa rotte. I principali patronati sostenevano a ragione che una circolare non poteva superare la legge portando il requisito dei versamenti contributivi ad un minimo di vent’anni per tutti.

 

LINK UTILI

Pensioni 2012: la radiografia dell’Inps

Buco conti Inps: La pubblica amministrazione non versa i contributi e tutto è normale

 

Credit image by Getty Images

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Economiaefinanza.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano