Eni, truffe e gas: autoletture sfasate e Iva al 20%. Leggete questa lettera (e controllate la bolletta)

bollettagas.jpg

Ieri abbiamo pubblicato una vostra lettera sulle truffe nella bolletta del gas. Oggi riceviamo la lettera di Stefano V., che descrive le anomalie sull'importo dell'autolettura e sull'aliquota Iva applicata dall'Eni:

Buongiorno,
vorrei portare alla vostra attenzione quanto ho verificato sull'ultima bolletta (dice 07-gen 08) di fornitura gas di Eni.

Prima di tutto una premessa:
Da quando ho stipulato il contratto, Eni non ha mai inviato l'incaricato preposto alla lettura del contatore. n questo caso le opzioni alternative sono due: aspettarsi sulla bolletta successiva una "lettura calcolata" (che normalmente è molto più alta rispetto a quella effettiva) oppure servirsi del sistema di "autolettura" che, come pubblicizzato sulla bolletta e sul sito internet di Eni, ti garantisce la certezza di pagare in bolletta l'esatto importo, se comunicato entro un preciso periodo indicato sulla bolletta stessa.

Devo dire, a onor del vero, che il sistema di autolettura ha sempre funzionato correttamente, così come la fatturazione della stessa è sempre stata eseguita alla data indicata nella bolletta precedente.

Questo fino all'ultima bolletta, quella cioè di dic 07-gen 08 dove si è verificato qualcosa di strano: la fatturazione che era prevista per il 29-01-08 è stata posticipata stranamente al 15-02-08. Questo ha comportato il fatto che avendo comunicato l'autolettura il 26-01 come indicato in bolletta, l'Azienda si è presa la briga di "calcolare" la differenza di consumo da tale data al 15-02.

Inutile dire che il calcolo è stato sfasato e incredibilmente esagerato (al momento in cui scrivo non ho ancora raggiunto i mc indicati....). Per intenderci l'autolettura era 3655 mc a fine Gennaio, e la loro "calcolata" al 15 Febbraio è 3802!...(se consumassi 150 mc ogni 15 gg sarebbe la fine x me!).

Ma qui viene il bello: la nuova legge all'articolo 2, comma 5, del D.Lgs. 2.2.2007 n. 26 bene in evidenza sulla bolletta, indica che dal 1 gennaio 2008 per i primi 480 mc di consumo nell'anno solare viene applicata una tassazione del 10% anzichè il 20% come in precedenza.

Superata tale soglia la tassazione torna al 20%. Senza parlare dell'aliquota d'imposta erariale che varia in funzione della fascia di consumo. Il mio consumo effettivo nell'anno solare sarebbe stato di circa 360mc e quindi avrei dovuto pagare l'iva al 10% e l'aliquota fino ai 480mc in questa bolletta.

E invece no: lo slittamento ingiustificato della fatturazione, la conseguente lettura "calcolata" in eccesso fanno si che io superi tale soglia e paghi l'iva al 20% e l'aliquota per lo scaglione superiore ai 480mc! Ho verificato questa anomalia con alcuni colleghi, con mei famigliari e chissà quanti consumatori che non se ne sono ancora resi conto.

E' solo una mia sensazione ed una incorretta interpretazione, o vale la pena riguardare le bollette e farlo presente alle Autorità competenti? E' inutile dire che il servizio clienti a tal proposito si limita a dire che si è trattato solo di un ritardo nella fatturazione e che i mc in eccesso verranno conguagliati in difetto nella prossima fattura. Complimenti! Fatta la legge trovato l'inganno! A scapito dei consumatori.

Vota l'articolo:
3.94 su 5.00 basato su 17 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO