Pensioni di anzianità ultime notizie: cosa cambia con il governo Monti

Quali riforme attuerà il governo Monti? Analizziamo nel post quello che potrebbe cambiare nelle pensioni di anzianità.

inps_pensioni.jpg


Ora che il nuovo Governo ha incassato sia la fiducia del Senato che della Camera, diamo un'occhiata a quale sarà la sua agenda politica che, come ben sappiamo, verterà sul risanamento del debito pubblico.

Nel programma di Monti & Co sono presenti misure impopolari ma necessarie come la reintroduzione dell'Ici e la riforma delle pensioni.


Ma soffermiamoci sulla riforma delle pensioni: che cosa cambierà?


Della questione si occuperà il nuovo ministro del Lavoro, Elsa Fornero che pare stia pensando di introdurre l'uscita dal lavoro "a scelta": il lavoratore potrà decidere, quindi, di andare in pensione a partire da 63 anni, fino a 70; ovviamente chi lascerà il lavoro più tardi, avrà un assegno più cospicuo. 


Molto probabilmente verrà modificato l'attuale sistema di calcolo dell'assegno mensile che passerà dalla modalità retributiva-contributiva, cioè sulla base dei contributi versati e dello stipendio percepito, a esclusivamente contributiva, cioè sui soli contributi versati con il risultato che le pensioni saranno sicuramente più basse. 


Martedì prossimo il premier sarà a Bruxelles per presentare il suo piano di riforme al presidente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO