Riforma del lavoro, Monti: "Sciolti tutti i nodi"

Monti ha annunciato trionfante l'accordo con i leader di maggioranza sulla riforma del lavoro e in particolar modo sull'articolo 18. Ecco quali saranno i principali cambiamenti.

monti-art18-giudice-infophoto.jpg


Ecco il tanto atteso accordo sulla riforma dell'articolo 18 raggiunto nel corso di un vertice notturno fra il premier e i leader della maggioranza.

Mario Monti (Foto Infophoto) ha annunciato trionfante: "Abbiamo sciolto tutti i nodi". 


Pier Luigi Bersani si è mostrato invece più cauto: "Abbiamo detto le nostre cose, ora il governo deciderà". 


Ma quali sono i nodi sciolti? Ancora si stava discutendo, all'interno del Governo, sulla modifica dell'articolo 18 e nello specifico sul ruolo del giudice nei licenziamenti.


I licenziamenti saranno, infatti, possibili per motivazioni economiche, se l'azienda è in crisi o se la mansione per cui è stata assunta la risorsa viene a decadere e non è possibile una sostituzione. Tuttavia, occorre evitare il rischio, peraltro molto elevato, che si attuino discriminazioni.


L'ipotesi su cui si è discusso a lungo è se affidare al giudice la facoltà di intervenire in tutti i casi di licenziamento individuale o se, come accade in Germania, di far sì che sia il licenziato a segnalare e provare l'eventuale abuso. In caso di licenziamento ingiusto, inoltre, ancora non era chiaro se il giudice potesse o meno decidere, oltre che per un adeguato risarcimento, per il reintegro.


Dopo il vertice di maggioranza, si è deciso che per i licenziamenti economici è prevista un'indennità tra le 15 e le 27 mensilità e, qualora la motivazione oggettiva non esistesse, l'apertura alla possibilità del reintegro.


Per i licenziamenti disciplinari, in caso di inesistenza del fatto contestato al lavoratore, il giudice potrà annullare il licenziamento e imporre reintegro e risarcimento dei danni.


LINK UTILI


Riforma del lavoro articolo 18: si discute sul ruolo del giudice nei licenziamenti economici.


Riforma del lavoro: Monti conquista America e Cina ma non gli italiani.


Riforma del lavoro: il tavolo governo e sindacati, il live Tweet della Cgil


Riforma del Lavoro, Monti: "Si chiude fra 7 giorni".


Articolo 18 Monti: la maggioranza dà l'ok al modello tedesco ma Camusso frena.


Governo Monti: giustizia e articolo 18, la maggioranza trova l'accordo.


Riforma del lavoro: accordo entro il 23 ma i sindacati frenano


Riforma del lavoro, Fornero: "Ridurremo la disoccupazione".


Riforma del lavoro: articolo 18 e ammortizzatori sociali al tavolo Governo-parti sociali.


Riforma del lavoro: sussidio disoccupazione, no dei sindacati.


Riforma del lavoro: il botta e risposta tra Marcegaglia e Camusso.


Riforma del lavoro, co.co.pro. e co.co.co.: cosa cambia per i lavoratori "a progetto"?

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO